ISCRIVITI

Temporale e fulmini in montagna: cosa fare

Seguici sui nostri canali social per rimanere aggiornato e ispirato

Condividi
Condividi
Condividi
Condividi
Condividi

Indice articolo

Temporale e fulmini rappresentano uno dei maggiori pericoli per chi si avventura in montagna e spesso vengono molto sottovalutati.

Purtroppo però ogni anno mietono decine di vittime specialmente in estate quando il fenomeno atmosferico è più frequente.

Come dobbiamo comportarci se veniamo colti all’improvviso da un temporale in montagna?

Vediamolo subito!

Per prima cosa controlla sempre il bollettino meteo prima di uscire

Sembrerà un consiglio scontato ma avendo poche soluzioni per affrontare un temporale in montagna, la prevenzione resta l’arma migliore.

Prima di partire per la tua avventura controlla sempre il meteo.

Indizi che preannunciano l’arrivo di temporali e fulmini in montagna

  1. Puoi cominciare a sentire una sensazione di leggero solletico nelle parti dove la pelle è scoperta.
  2. Sensazione simile anche sul cuoio capelluto e i capelli si drizzano.
  3. Si può avvertire un ronzio e un leggero suono degli oggetti metallici
  4. Si possono avvistare delle fiammelle azzurre chiamate fuochi di Sant’Elmo in corrispondenza di oggetti metallici particolarmente esposti come le croci di vetta o le aste.

Una regola pratica e speditiva per calcolare la distanza di un temporale

La distanza approssimativa di un temporale in chilometri può essere calcolata dividendo per tre il numero di secondi tra fulmini e suoni.

Esempio: se l’intervallo di tempo tra il fulmine e il tuono è di dieci secondi, il centro del temporale si trova a soli tre chilometri di distanza.

E’ giunto il momento di adottare misure di protezione adeguate.

Come comportarsi in caso di temporale e fulmini in montagna

  1. Evitare creste, formazioni rocciose isolate e mantieniti almeno a 15 metri di distanza da esse
  2. Tutte le parti metalliche del tuo equipaggiamento (coltelli, ramponi, piccozza, moschettoni, chiodi ecc… devono stare lontano da te)
  3. Evita di ripararti in canaloni, fessure, camini, cavità, grotte (se non sono molto profonde), grossi massi isolati e alberi.
  4. Evita le vie ferrate e allontanati da esse il più possibile
  5. E’ più sicuro posizionarsi su terreni innevati o ghiacciai piuttosto che su terreno rocciosi
  6. Evita gli assembramenti di persone o animali
  7. Non rimanere in piedi, e non camminare. Mettiti in posizione rannicchiata con i piedi uniti e le ginocchia raccolte contro il petto seduto sul tuo zaino o sulla matassa di corda da alpinismo (guarda immagine in basso)

Spero che questo articolo ti sia stato utile per programmare in sicurezza la tua prossima avventura.

Prima di salutarti ti ricordo che se vuoi essere aggiornato sui nuovi articoli e video che pubblichiamo, entra anche tu nel nostro Canale Telegram e segui la pagina ufficiale di Missione Avventura su Instagram e su Facebook dove siamo molto attivi.

Se vuoi seguirmi personalmente mi trovi su YouTubeInstagram e TikTok.

Un abbraccio,
Simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condividi
Condividi
Condividi
Condividi
Condividi
Simone Talamo

Simone Talamo

Sono appassionato di viaggi e avventure. Ho deciso di creare Missione Avventura per aiutare le persone ad esplorare i luoghi più remoti e affascinanti del pianeta immersi nella natura selvaggia.
Iscriviti alla lista d'attesa Ti informeremo appena si apriranno le iscrizioni così non perderai il tuo posto.
Email I tuoi dati con noi sono al sicuro.

Traversata Val Grande 22-23 Ottobre

Traversata della Val Grande 22-23 Ottobre

traversata val grande

22 - 23 ottobre

In questo trekking di due giorni esploreremo e attraverseremo l’area più selvaggia d’Europa, il Parco Nazionale della Val Grande