ISCRIVITI

Lo storia Maciej Berbeka e la maledizione di Broad Peak

Seguici sui nostri canali social per rimanere aggiornato e ispirato

Condividi
Condividi
Condividi
Condividi
Condividi

Indice articolo

Dopo pochi giorni dall’uscita del film su Netflix “Broad Peak – Fino alla cima” ho deciso di parlarti della storia di Maciej Berbek e della maledizione del Broad peak.

Lo farò in questo articolo per gli amanti della lettura ma ne ho parlato anche nel Podcast.

Maciej Berbeka è nato in Polonia nel 1954, ed è diventato molto famoso come alpinista.

Era un membro degli Ice Warriors, un gruppo di esperti polacchi che ha dominato la scena dell’alpinismo invernale, in particolare negli anni ’80 quando hanno effettuato le prime salite invernali degli Ottomila.

Oltre alla Federazione internazionale delle associazioni di guide alpine e alla squadra polacca di ricerca e soccorso, Maciej era un’autorità in materia

Nel 1984 ha conquistato il Manaslu e nel 1985 il Cho Oyu in Himalaya oltre ad aver scalato anche l’Everest e l’Annapurna.

Nell’inverno del 1987 si unì alla spedizione nazionale polacca al K2 dell’inverno.

Le condizioni metereologiche però erano sfavorevoli e nel mese di febbraio Andrezj Zawada (il capo spedizione) giunse alla conclusione che anche per quell’anno il K2 sarebbe rimasto inviolato.

Così il collega alpinista Alexander Lwow, invece di annuallare la spedizione propose a Maciej di scalare il Broad Peak invece del K2. 

Maciej all’inizio non era convinto, conoscendo il rischio che si correva, ma gradualmente ha iniziato a mostrare interesse. 

Il piano prevedeva che Maciej e Alexander arrampicassero, in stile alpino leggero

La squadra non era contenta della loro decisione; non avevano pianificato il successo individuale e il loro piano improvviso è stato percepito come un tradimento.

Tuttavia, i due hanno deciso di portare avanti il ​​loro piano e sono stati supportati dal loro capo spedizione, Andrzej, che è rimasto in contatto con loro attraverso la radio.

Inizia la scalata al Broad Peak

La salita è stata dura a causa del forte vento, ma Alexander e Maciej hanno continuato il trekking. 

Riuscirono ad allestire il loro primo accampamento e continuarono ad arrampicare la mattina successiva. 

Mentre stavano salendo, Maciej ha perso la presa ed è scivolato. Riuscì a prendere il controllo della situazione ed evitare una trappola mortale. 

Il tempo non era dalla loro parte. Di notte ci fu un forte temporale e Andrzej consigliò loro di scendere se al mattino a persistere il maltempo. 

La mattina dopo c’era il sole e gli alpinisti erano pronti a sfruttarlo. Man mano che procedevano, si imbatterono in un punto che sembrava quasi impossibile da superare. 

Alexander però non se la sentiva di proseguire preferì tornare… ma Maciej era determinato a raggiungere la vetta. 

Andrzej consigliò loro di non separarsi, ma Alexander non era pronto a rischiare la vita. 

Maciej ora era da solo e anche nella violenta tempesta, continuava a salire verso l’alto. 

Il team ha atteso un aggiornamento da Maciej, ma non ha ricevuto alcuna risposta. Dopo qualche tempo, Maciej ha comunicato con la base, affermando di aver finalmente raggiunto la vetta.

Dopo aver trascorso alcuni minuti a celebrare il suo successo, ora aveva un problema più difficile a portata di mano. Doveva scendere e trovare la tenda che lui e Alexander avevano allestito, ma riusciva a malapena a vedere qualcosa nella tempesta.

Incapace di trovare la tenda, Maciej scavò una buca nella neve e vi rimase per la notte. 

Andrzej gli ricordava costantemente che doveva muoversi; altrimenti sarebbe morto congelato, ma Maciej non poteva spingere oltre il suo corpo, era esausto.

Non riusciva più a sentire le gambe e c’erano dei momenti in cui pensava di arrendersi

Mentre stava perdendo il controllo, pensò a sua moglie e all’amore che condividevano. Non era ancora pronto a rinunciare. 

Si spinse, uscì dalla buca e discese. Diede di nuovo cenni di vita e una squadra di soccorso venne a salvarlo.

La gloria dopo l’impresa

Fu portato poi in elicottero e l’intera Polonia celebrò il suo successo.

Dopo essersi riuniti con sua moglie e suo figlio, i media lo hanno intervistato, chiedendogli del suo straordinario viaggio. 

Anche se il mondo intorno a lui ha celebrato il suo successo, non avrebbe mai potuto dimenticare quanto ha sofferto nelle dure condizioni e come si è sentito più vicino alla morte quando il suo corpo ha iniziato a cedere. 

Ma ne è valsa la pena per la gioia di conquistare una delle salite più dure.

La dura verità

Ma quella gioia fu di breve durata e dovette affrontare un’amara verità, una verità che non avrebbe mai potuto davvero superare in vita sua fino alla fine.

Mentre Maciej si stava riprendendo dal trauma di un’esperienza di pre-morte, ha dovuto affrontare una dura verità. 

Come si è scoperto, Maciej non ha raggiunto la vetta del Broad Peak; aveva raggiunto la vetta rocciosa, che si trovava a una distanza di 17 metri dalla vetta. Maciej era devastato. 

Non poteva credere che la sua squadra avesse scelto di non rivelare la verità. Sapevano che Maciej non aveva raggiunto la vetta, ma non lo ammettevano, sapendo che avrebbe tentato di raggiungere la vetta e che avrebbe potuto rischiare la vita. 

Anche se la vetta era a soli 17 metri di distanza, gli ci sarebbe voluta un’ora per raggiungerla.

Fino ad allora Maciej credeva che il dolore patito fosse compensato dalla gioia di raggiungere la vetta, ma anche quella gli era stata portata via.

Passarono 25 anni da quella scalata

Dopo venticinque anni ricevette una telefonata dal suo compagno alpinista che aveva salito il Broad Peak durante l’estate e faceva parte della squadra che sapeva che Maciej non aveva raggiunto la vetta ma gliela tenne nascosta. 

Maciej ha ignorato le sue chiamate, ma Kriziek in seguito è andato a trovarlo direttamente a casa sua. 

Ha spiegato che avevano una squadra giovane, l’attrezzatura giusta e tutto ciò di cui avevano bisogno era un alpinista esperto. Kryzsiek credeva che Maciej meritasse di conquistare quella montagna, e questa era la sua occasione per farlo. 

Aveva bisogno di completare ciò che aveva iniziato venticinque anni prima. 

Anche se inizialmente ha rifiutato l’idea, alla fine ha accettato di unirsi alla squadra per scalare di nuovo il Broad Peak.

L’alpinismo è una passione di cui non ci si può semplicemente liberare; E ‘uno stile di vita. E il rimpianto di non aver raggiunto la vetta aveva colpito Maciej. 

Anche se sapeva quanto fosse rischioso, non poteva lasciar perdere l’opportunità. 

Krzysiek lo ha presentato alla squadra che avrebbe guidato.

La nuova scalata al Broad Peak 25 anni dopo

Così la squadra iniziò la sua spedizione invernale sul Broad Peak. 

Questa volta il piano prevedeva che tutti e quattro gli alpinisti raggiungessero la vetta, anche se il tempo era preoccupante. 

Krzysiek suggerì di iniziare la salita alle 2 del mattino, ma Maciej decise di iniziare alle 5 del mattino. Pensava che arrampicare a di notte con il freddo non fosse una buona idea, motivo per cui ha scelto di farlo all’alba.

Krzysiek ha ricordato loro che avevano bisogno di utilizzare il più possibile la luce del giorno. 

La squadra era in ritardo di due ore. Quando raggiunsero la vetta rocciosa, era troppo tardi e Krzysiek consigliò loro di iniziare a scendere, ma la squadra non era pronta per partire. 

Maciej ha annunciato che sarebbe comunque andato in vetta e il resto della squadra ha deciso di fare lo stesso. 

Adam Bielecki è stato il primo dei quattro a raggiungere la vetta, seguito da Artur Malek, Tomasz Kowalski, e Maciej.

Maciej è arrivato in vetta esattamente venticinque anni dopo il giorno in cui l’ha mancato di 17 m. 

Purtroppo però… lui e Tomasz persero la vita durante l’ascesa.

Quando hanno iniziarono a scendere infatti era già troppo tardi e non poterono sopravvivere alle condizioni meteorologiche avverse. 

La base ha cercato continuamente di raggiungere Maciej Berbeka e Tomasz Kowalski, ma non hanno ricevuto risposta. Maciej Berbeka era uno degli alpinisti polacchi più famosi, noto per le sue spedizioni invernali. 

Sebbene l’alpinismo invernale sia considerato pericoloso, Maciej ne era un esperto. La vetta del Broad Peak è nota per essere uno dei luoghi più pericolosi al mondo e molti alpinisti hanno perso la vita nel tentativo di conquistare la montagna.

Prima di partire per Broad Peak, Maciej ha vissuto per venticinque anni con la sensazione di essere un impostore. Il fatto di non aver raggiunto la vetta, eppure di esserne celebrato, lo soffocava. 

Ma Considerando le condizioni meteorologiche, avrebbe potuto perdere la vita se avesse tentato la salita più in alto della vetta rocciosa. 

Broad Peak ha consumato la sua vita, sia fisicamente che mentalmente. Il dolore che ha sopportato durante l’ascesa non è stato nulla in confronto al rimpianto con cui ha vissuto per anni. 

Mentre la maggior parte potrebbe considerarla una follia, per coloro che hanno dedicato la propria vita a questa passione, è ciò che li tiene in vita. 

I corpi di Maciej e Tomasz non sono mai stati trovati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi
Condividi
Condividi
Condividi
Condividi
Simone Talamo

Simone Talamo

Sono appassionato di viaggi e avventure. Ho deciso di creare Missione Avventura per aiutare le persone ad esplorare i luoghi più remoti e affascinanti del pianeta immersi nella natura selvaggia.
Iscriviti alla lista d'attesa Ti informeremo appena si apriranno le iscrizioni così non perderai il tuo posto.
Email I tuoi dati con noi sono al sicuro.